LE RELIQUIE DEI CONIUGI MARTIN E DI GIOVANNI PAOLO II

LE RELIQUIE DEI CONIUGI MARTIN E DI GIOVANNI PAOLO II

17/09/2015

Il 17-18 Ottobre e il 22 Ottobre verranno esposte alla venerazione pubblica le reliquie dei coniugi Luigi e Zelia Martin (i genitori di Santa Teresa di Gesù Bambino, che saranno canonizzati il 18 Ottobre) e di San Giovanni Paolo II.

Sabato 17 ottobre alle ore 21.00, si celebrerà in Santuario una solenne veglia di preghiera: per l'occasione saranno esposte le reliquie della coppia santa.
Domenica 18 ottobre alle ore 17.00, presso il salone Pentecoste dell'Opera di Birgi, la dott.sa Claudia Gargano terrà una conferenza dal titolo: «più degni del cielo che della terra». Vita e spiritualità di Luigi Martin e Zelia Guérin. Seguirà, alle 19.00 in Santuario, una solenne Celebrazione Eucaristica durante la quale le coppie di sposi potranno rinnovare le proprie promesse matrimoniali.

Come riconoscenza alla grandezza spirituale del papa San Giovanni Paolo II, e per la sua sconfinata devozione alla Madonna, l’Opera N. S. di Fatima di Birgi ha deciso di esporre all’interno del Santuario il 22 ottobre 2015, Memoria liturgica di San Giovanni Paolo II, una reliquia del Papa, durante la celebrazione eucaristica delle ore 21.00.
Il suo esempio di vita ed il grande messaggio di Fede che ci ha lasciato ci permetteranno di vivere ancora più intensamente l’ormai prossimo anno giubilare della Misericordia.

Perché il 22 ottobre? Questa significativa e storica data per la Chiesa universale ricorda il risuonare ancora forte nei nostri cuori del grido di quel lontano 22 ottobre 1978, quando Giovanni Paolo II disse:
“Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo!”
Quel grido scosse le fondamenta del mondo.
Oggi nell’era della globalizzazione, dello smarrimento della fede e del relativismo, quell’invito umile ed imperioso ad “aprire le porte a Cristo”, riecheggia ancora più necessario e profetico perché il mondo possa ritrovare il cammino per la sua salvezza.

Il 22 Ottobre 2015 nel Santuario verrà inoltre esposta una copia di un quadro di Dina Bellotti (autenticata dalla stessa artista).

             

Pillole di SpiritualiTà

Colui che arricchisce, si fa povero e mendica la mia carne, perché io venga arricchito della sua divinità. (San Gregorio Nazianzeno)