100 MODI PER DIRE “TI AMO” A DIO!

100 MODI PER DIRE “TI AMO” A DIO!

10/02/2016

di Rosaria Gargano

Il sacrifico è la misura dell’amore e, in un tempo tradizionalmente votato alla penitenza, alla carità e alla preghiera, elenchiamo alcuni modi con cui possiamo dire a Dio: «Ti amo», mostrandogli il nostro amore, concreto, reale, vissuto, senza sdolcinerie, ma di sicuro, toccante.
Elenchiamo allora 100 possibili propositi. Se ne può scegliere qualcuno per tutta la Quaresima, oppure ogni giorno sorteggiarne uno. L’importante è che l’intenzione nel farlo sia solo per Dio. Mi spiego: se decido di non mangiare dolci così perdo anche qualche etto, allora il regalo è falso, ipocrita, perché il vero dono è sempre totale, disinteressato ed esclusivo. Inoltre, è buona norma che quanto risparmiato venga offerto in elemosina, per una buona azione: carità.
Ecco di seguito l’elenco.

1 Recitare con calma e attenzione le preghiere del mattino e della sera.
2 Ricordarsi sempre di ringraziare il Signore prima dei pasti, anche quando non si è in ambiente familiare.
3 Offrire gesti d’amore per la gente che bestemmia.
4 Evitare di mangiare ciò di cui possiamo fare a meno.
5 Evitare di mormorare quando qualcuno su strada guida mettendo in pericolo l’altro ma rivolgere a Maria una preghiera per lui.
6 Riordinare la camera la mattina.
7 Aiutare i genitori che soffrono dedicandogli del tempo.
8 Vivere con maggiore responsabilità la vocazione a cui siamo stati chiamati (essere moglie, essere madre, essere padre, essere figlio, essere fratello e sorella).
9 Impegnarsi a non dare giudizi affrettati.
10 Non essere frettolosi nel dare le risposte ma rifletterci un po’ su.
11 Non dare consigli se non ci vengono chiesti.
12 Evitare di dire parole offensive a chi ci sta accanto.
13 Non rimanere impassibili dinanzi alle sventure del mondo.
14 Essere più gioiosi e meno musoni.
15 Comunicare di più in famiglia.
16 Non tenere il broncio.
17 Inginocchiarsi dinanzi ad un crocifisso con umiltà, magari 10 minuti al giorno.
18 Fare in modo che la paura non si impadronisca del nostro cuore ma riporre la speranza e la fiducia in Dio.
19 Non fumare.
20 Non bere alcolici o caffè.
21 Occupare bene il tempo che Dio ci dona.
22 Offrire sacrifici per i sacerdoti e per i religiosi.
23 Accogliere il vicino di casa con un sorriso.
24 Andare a trovare e portare consolazione ad una persona malata.
25 Avere capacità di ascolto anche quando la persona che parla ci dà noia.
26 Evitare di guardare immagini o video che deturpano la bellezza della sessualità.
27 Pregare per il proprio marito o la propria moglie quando questi sono insopportabili!
28 Perdonare una persona che ci ha fatto tanto male (quale migliore occasione della Quaresima!)
29 Meditare pochi minuti la Parola del giorno.
30 Rivolgere il pensiero a Gesù quando si è in difficolta e non pensare di potercela fare da soli.
31 Curare più la nostra anima con la preghiera di ringraziamento.
32 Coltivare la pazienza andando a trovare chi ci rende impaziente.
33 Accettare le mortificazioni e non replicare quando veniamo aggrediti ingiustamente.
34 Spegnere il televisore durante i pasti.
35 Sparecchiare la tavola e non attendere che lo facciano altri.
36 Mantenere in ordine i luoghi che condividiamo con gli altri sia in famiglia che al lavoro
(ogni cosa al suo posto, un posto per ogni cosa)
37 Dire una preghiera per il mendicante che incontriamo, anche se qualche volta non offriamo soldi.
38 Ringraziamo chi ci sostiene nella crescita spirituale.
39 Evitare di sentirsi superiore agli altri ma fare esercizio di umiltà.
40 Avere rispetto dell’anziano cedendogli il posto in chiesa.
41 Fare esercizio di rinuncia da un oggetto che crediamo indispensabile.
42 Cercare una maggiore confidenza in Dio.
43 Non lasciare nulla in sospeso ma portare a termine il lavoro iniziato.
44 Partecipare alla messa durante la settimana.
45 Avere rispetto del tempo libero dei membri della famiglia.
46 Divenire più amici di Maria Santissima entrando in confidenza con lei.
47 Fare un po’ di silenzio durante il giorno per educarsi ad ascoltare la voce di Dio.
48 Non iniziare a mangiare se tutti i membri della famiglia non sono seduti a tavola.
49 Offrire a Gesù e Maria ogni nostro gesto.
50 Comprendere cosa modificare del nostro carattere per essere più amabili
51 Donare qualcosa di materiale che non sia il superfluo.
52 Fare astinenza da facebook e whatsapp.
53 Essere più sinceri con se stessi e riconoscere i propri limiti.
54 Saper dire di no quando è necessario.
55 Portare un sorriso a chi vive nella sofferenza.
56 Immedesimarsi e provare compassione per il dolore del fratello.
57 Aprire la porta di casa a chi ha bisogno di accoglienza senza sperarne compensazioni ed incondizionatamente.
58 Ritagliarsi dei momenti di relax per la famiglia.
59 Dialogare di più con chi si sente solo ed incompreso.
60 Rinunciare ai programmi televisivi frivoli o poco edificanti.
61 Evitare che il telefonino sia una fonte di distrazione dai nostri doveri.
62 Non essere permalosi.
63 Avere più rispetto per la natura.
64 Leggere la vita di qualche santo.
65 Non disprezzare chi vive nel disagio sociale.
66 Vestire chi non ha indumenti.
67 Dare un piatto caldo ad un uomo vedovo che vive in solitudine.
68 Prepararsi bene per l’incontro con Gesù.
69 Offrire l’astinenza dalle carni del venerdì e il digiuno anche per chi non li rispetta.
70 Impegnarsi a partecipare alla Via Crucis per ricordare e vivere meglio la passione di Cristo.
71 Offrire il proprio tempo ad aiutare un anziano nella cura del proprio corpo.
72 Ricordare i defunti facendo loro visita al cimitero.
73 Offrire sacrifici per la conversione di chi crede di essere sempre nel giusto.
74 Pregare per le anime del purgatorio.
75 Essere più disponibili con i colleghi.
76 Impegnarsi per la diffusione della Verità.
77 Evitare di ferire gli altri con atteggiamento di superiorità.
78 Preparare un pasto caldo per chi è in difficoltà.
79 Testimoniare la propria fede anche quando ci troviamo in ambienti ostili.
80 Ringraziare ogni giorno Dio per ogni bimbo che viene al mondo.
81 Recitare il rosario tutti i giorni.
83 Ripetere durante la giornata delle giaculatorie.
84 Accogliere il marito o la moglie per com’è senza pretendere di cambiarlo.
85 Evitare di girovagare per motivi futili.
86 Evitare di fare acquisti inutili.
87 Impegnarsi a dare il proprio contributo per la chiesa che frequentiamo.
88 Rivolgere sempre un pensiero ai senzatetto e ringraziare Dio per tutto ciò che abbiamo.
89 Riuscire a cogliere la bellezza che c’è dietro ogni forma di sofferenza.
90 Non disperare mai ma confidare in Dio.
91 Chiedere costantemente a Maria di essere nostro unico Modello.
92 Pregare affinché l’idolo dei giovani sia Gesù.
93 Non essere esuberanti.
94 Essere più disponibili nell’accogliere chi vive di pregiudizi.
95 Pregare per i laici impegnati nelle varie realtà religiose affinché siano credibili.
96 Dare importanza al lavoro non trascurando la famiglia.
97 Pregare per i cristiani perseguitati.
98 Offrire sacrifici per la pace nel mondo senza chiuderci nel nostro egoismo.
99 Essere un buon esempio per chi non ha mai incontrato Gesù.
100 Ricordarsi di fare un buon esame di coscienza la sera prima di dormire e ricorrere con più frequenza alla confessione.

Buona Quaresima!

             

Pillole di SpiritualiTà

Colui che arricchisce, si fa povero e mendica la mia carne, perché io venga arricchito della sua divinità. (San Gregorio Nazianzeno)