Messaggio di Fatima

Il Messaggio di Fatima

Il 13 maggio del 1917 tre bambini, Francesco, Giacinta e Lucia, pascolavano un piccolo gregge nella Cova da Iria, frazione di Fatima.
All´improvviso, verso mezzogiorno, videro una grande luce; pensando che si trattasse di un lampo decisero di andarsene, ma ne sopraggiunse un altro che illuminò il luogo e videro sopra un piccolo leccio (dove ora si trova la Cappellina delle Apparizioni) una "Signora più splendente del sole" dalle cui mani pendeva un rosario bianco.
La Signora disse ai tre Pastorelli che era necessario pregare molto e li invitò a tornare alla Cova da Iria per cinque mesi consecutivi, il giorno 13 e a quella stessa ora. I bambini così fecero e nei giorni 13 di giugno, luglio, settembre e ottobre la Signora tornò ad apparire e a parlare con loro alla Cova da Iria. Il 19 agosto l´apparizione ebbe luogo nella località "dos Valinhos" a circa 500 metri da Aljustrel, perché il giorno 13 i bambini furono sequestrati dal sindaco e portati a Villa Nova de Ourém.

Nell'ultima apparizione, il 13 ottobre, alla presenza di circa 70.000 persone, la Signora disse che era "La Madonna del Rosario" e chiese che venisse costruita in quel luogo una Cappella in suo onore. Dopo l´apparizione, tutti i presenti furono testimoni del miracolo promesso ai tre bambini nei mesi di luglio e di settembre: il sole, simile ad un disco d´argento, poteva essere fissato senza difficoltà, girava su se stesso come una ruota di fuoco e sembrava che volesse precipitare sulla terra.

Più tardi, quando Lucia era già Religiosa di S. Dorotea, la Madonna le apparve nuovamente, in Spagna (il 10 dicembre 1925 e il 15 febbraio 1926, nel Convento di Pontevedra e ancora nella notte tra il 13 e il 14 giugno del 1929 nel Convento di Tuy) chiedendo la devozione dei primi cinque sabati del mese (recitare il rosario meditandone i misteri, confessarsi e ricevere la S. Comunione, in riparazione dei peccati commessi contro il Cuore Immacolato di Maria) e la consacrazione della Russia al Suo Cuore Immacolato, richiesta questa che la Madonna aveva già annunciata il 13 luglio 1917.

Il 13 Maggio 1982, San Giovanni Paolo II così si espresse nel suo viaggio a Fatima: «Se la Chiesa ha accolto il messaggio di Fatima è soprattutto perché esso contiene una verità e una chiamata, che nel loro fondamentale contenuto sono la verità e la chiamata del Vangelo stesso. "Convertitevi, (fate penitenza) e credete al Vangelo" (Mc 1,15), sono queste le prime parole del Messia rivolte all'umanità. Il messaggio di Fatima è nel suo nucleo fondamentale la chiamata alla conversione e alla penitenza, come nel Vangelo. 
Nelle parole di Fatima ci sembra di ritrovare proprio questa dimensione dell'amore materno, che col suo raggio comprende tutta la strada dell'uomo verso Dio: quella che conduce attraverso la terra, e quella che va, attraverso il purgatorio, oltre la terra. La sollecitudine della Madre del Salvatore è la sollecitudine per l'opera della salvezza: l'opera del suo Figlio. 
Consacrare il mondo all'Immacolato Cuore della Madre, significa ritornare sotto la Croce del Figlio. Di più: vuol dire consacrare questo mondo al Cuore trafitto del Salvatore, riportandolo alla fonte stessa della sua Redenzione. La Redenzione è sempre più grande del peccato dell'uomo e del "peccato del mondo". La potenza della Redenzione supera infinitamente tutta la gamma del male, che è nell'uomo e nel mondo.
Il Cuore della Madre ne è consapevole, come nessun altro in tutto il cosmo, visibile ed invisibile.
E per questo chiama. Chiama non solo alla conversione, chiama a farci aiutare da lei, Madre, per ritornare alla fonte della Redenzione».

E DIO MI PORTERÀ A BALLARE

13/10/2017 -

Cosa avvenne il 13 Ottobre 1917? Un quotidiano dell'epoca scrisse: "Come il sole ballò a mezzogiorno a Fatima".

UNA PASSEGGIATA DI SEI MESI: DAL 12 MAGGIO AL 13 OTTOBRE…

14/10/2016 -

I 12 e 13 del mese, presso le Opere della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria, sono un’occasione per approfondire il messaggio di Fatima. La testimonianza di chi li vive a Birgi.

IL QUARTO D’ORA DI COMPAGNIA: PRIMO SABATO DEL MESE

02/05/2015 - 31/05/2015

A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i misteri, con l’intenzione di offrirmi riparazione, prometto di assisterli nell'ora della morte.

FATIMA, 13 OTTOBRE 1917: le immagini del miracolo del sole, davanti a 100 mila pellegrini.

13/10/2014 -

Durante tutta la notte tra il 12 e il 13 ottobre 1917 e tutta la mattina del 13 ottobre cade una pioggia continua, insistente e a volte torrenziale, ma ciò non fermò i pellegrini a Cova da Iria.

ANNO GIUBILARE DI FATIMA. CONCESSIONE DELL'INDULGENZA.

-

Per celebrare degnamente il centesimo anniversario delle Apparizioni di Fatima è concesso, per mandato di Papa Francesco, un Anno Giubilare con l'annessa indulgenza plenaria.

notizie

ESERCIZI SPIRITUALI PER SACERDOTI E RELIGIOSI A FATIMA

Dal 21 al 27 Ottobre 2018 la Famiglia del Cuore Immacolato di Maria organizza a Fatima un corso di esercizi spirituali per sacerdoti e religiosi.

notizie

LA FONDAZIONE ANTOGNOZZI DA OGGI HA UN SITO WEB

È stato creato un sito web della Fondazione Antognozzi per raccontare il suo progetto e per aggiornare sui suoi progetti.

notizie

APOLOGIA DEL SESSISMO

La breve e sentita considerazione di un sacerdote educatore a margine dell’ultimo spot della Chicco e delle innumerevoli polemiche che ha suscitato

notizie

SE CAMMINASSI IN UNA VALLE OSCURA, NON TEMEREI ALCUN MALE

Un figlio morto. Il buio. La prigione del dolore. L’amicizia. La speranza. Una toccante testimonianza di vita di una nostra consacrata che ci aiuta a capire quale consolazione possa nascondersi nel Cuore Immacolato di Maria.

notizie

GRAZIE PER LA TESTIMONIANZA RESA TRA NOI

Domenica 8 luglio, al termine della messa delle ore 19.00, saluteremo suor Elisabetta che lascia l’Opera di Birgi perché trasferita alla comunità di Roma. La nostra gratitudine è preghiera per lei.

notizie

UNA CONNESSIONE SPECIALE, ALLA SUA PRESENZA

Aprire gli occhi al mattino e decidere se fissare lo sguardo in Dio o sullo smartphone. Cercare un contatto con Chi ci da tutto e ci sarà accanto per tutta la giornata.